Impermeabilizzazione della copertura a verde pensile

La tenuta all'acqua è il punto nevralgico di una copertura a verde pensile

La crescita diffusa delle coperture a verde pensile ha visto in tempi recenti anche un pericoloso aumento di problematiche dovute ad una scarsa considerazione dei rischi che tali coperture possano comportare, specie in merito alla tenuta dell'acqua.

I possibili problemi di infiltrazione in una copertura a verde sono spesso dovuti ad una somma di fattori a volte concomitanti che partono spesso da una errata progettazione per passare da una cattiva realizzazione dello strato impermeabilizzante, alla scarsa cura nei dettagli costruttivi e dal fatto che è spesso pratica comune l'utilizzo di membrane generiche di scarsa qualità.

Altro importantissimo elemento da considerare è quello relativo alla penetrazione delle radici, dove esiste un'ampia casistica relativa ai danni causati dalle penetrazione delle radici nel manto impermeabile. Diventa pertanto fondamentale la conoscenza e l'utilizzo di materiali che offrano un valido grado di resistenza, abbinato alle migliori tecniche di applicazione che tali materiali richiedono, in considerazione delle particolari aggressioni chimiche (sostanze concimanti) e fisiche (apparati radicali) ai quali sono sottoposti, oltre al fatto che si devono predisporre anche quegli indispensabili strati che offrono una efficacie protezione meccanica, nel corso dei lavori e nel tempo, per evitare il verificarsi di spiacevoli fenomeni di infiltrazioni e spandimenti.

Pertanto l'attenzione dei privati, delle imprese e dei progettisti che si apprestano a realizzare una copertura a verde pensile, deve essere rivolta in primis ad aziende esperte, che siano in grado di assicurare una perfetta impermeabilità dell'impianto e capaci di completare l'intera realizzazione, proponendosi quali unici responsabili di una copertura affidabile e di lunga durata.

Impernovo è azienda associata all'A.I.V.E.P. (Associazione Italiana verde pensile).

copertura a verde
verde pensile
giardini pensili

L'Impermeabilizzazione della copertura a verde pensile a garanzia di una perfetta tenuta all'acqua

Nel caso di coperture piane inverdite, i sistemi di impermeabilizzazione debbono essere realizzati da aziende specializzate, che oltre a garantire un' esecuzione a regola d'arte, utilizzino tecniche e materiali specifici per evitare il rischio, nel tempo, di costosi interventi di riparazione. Si dovranno utilizzare manti speciali, che oltre a conferire la necessaria impermeabilità, oppongano una sufficiente resistenza all'aggressione chimica ed alla penetrazione delle radici.

Le nostre esperienze a riguardo, ci hanno portato ad escludere l'utilizzo di membrane tradizionali (costituite da materiali nutrienti per i vegetali), orientandoci ad una selezione di membrane che per la loro particolare composizione e armatura, resistano ad una azione chimica e microbiologica del terreno, e che nel contempo, impediscano il passaggio dell'apparato radicale delle piante utilizzate.

A tale scopo ci avvaliamo di due tipi di membrane impermeabilizzanti, a seconda del tipo di struttura, delle caratteristiche del supporto e della tipologia di inverdimento.
Normalmente tendiamo ad impiegare membrane sintetiche in monostrato, a base di PVC o Poliolefine, applicate in indipendenza rispetto al supporto, saldate con sistemi termici, ad aria calda. Queste membrane hanno la caratteristica di una elevata elasticità, consentono di eseguire saldature molto resistenti ed inoltre sono prodotte con elastomeri ritenuti repellenti dalle radici.

In altri casi, dove realizziamo inverdimenti a basso spessore, e riteniamo necessario utilizzare un sistema applicativo di semi-aderenza al supporto, utilizziamo membrane costituite da bitume-polimeri o bitume-elastomeri, applicate in doppio strato, con caratteristiche di mescola particolarmente resistenti alle radici grazie ad uno speciale additivo chimico (estere poliglicolico di acido grasso fenossilato), caratteristiche mantenute anche nelle parti investite dalla sfiammatura in occasione della saldatura di sovrapposizione.

Entrambe le tipologie di membrane sono garantite da prove di laboratorio e di test effettuati sul campo, che ne attestano la validità di impiego per questi specifici casi di impermeabilizzazione, ed hanno a supporto certificazioni rilasciate dai maggiori istituti di verifica.

Si deve inoltre considerare che altri rischi possono compromettere la tenuta impermeabile della copertura a verde, e sono rischi derivati dalle lavorazioni seguenti necessarie al completamento del giardino ( drenaggii, substrati, pavimentazioni ecc), o da sollecitazioni continue e permanenti, dovute alla pressione per il ristagno dell'acqua, oggetti appuntiti del terriccio, calpestio ecc.

Si deve pertanto necessariamente aggiungere al manto impermeabilizzante, uno strato di "protezione meccanica", che per ulteriore efficacia, dovrà anch'esso opporsi alle radici delle piante che tendono a dirigersi verso il basso. A tale scopo utilizziamo uno speciale telo in polietilene, particolarmente resistente al punzonamento, di consistente spessore, saldabile sulle sovrapposizioni e soprattutto indicato quale strato antiradice.

copertura a verde pensile
giardini pensili
verde pensile